Corporate Social Responsability

Il percorso del Gruppo Autogrill verso la sostenibilità ha avuto inizio nel 2005 con la redazione del primo Rapporto di Sostenibilità, che ha segnato la strada per l’avvio allo sviluppo di progetti legati alla responsabilità d’impresa all’interno della Società.

Nel 2007 è nato il progetto Afuture, con l’obiettivo di innovare, in una visione integrata di eco-compatibilità ed efficienza economica, i punti vendita Autogrill. Il progetto ha avuto negli anni una sostanziale evoluzione, trasformandosi in un laboratorio internazionale di idee, progettualità e best practice da condividere all’interno del Gruppo. L’esperienza di Afuture ha consentito all’organizzazione di crescere e alle persone di sviluppare una maggiore consapevolezza sulle tematiche di sostenibilità, comprendendo il valore di questo percorso.

L’evoluzione di questa strada intrapresa è avvenuta nel 2011, quando Autogrill ha deciso di porsi degli obiettivi di miglioramento rispetto alla sostenibilità del suo approccio al business con la definizione dell’Afuture Roadmap e delle linee guida per il miglioramento continuo delle performance. Nel corso del 2012 sono state rafforzate le attività di monitoraggio delle aree interessate e sono continuate nel 2013 le attività volte a un miglioramento continuo delle performance di sostenibilità del Gruppo. 

La politica di Autogrill nei confronti dei suoi collaboratori

Una politica di responsabilità chiara e strutturata relativa ai rapporti che l’organizzazione sviluppa con i propri collaboratori può portare un vantaggio competitivo, poiché essi costituiscono il capitale umano dell’organizzazione stessa, vale a dire l’insieme di abilità, competenze e professionalità che contraddistingue l’azienda.

Nella realtà dei punti vendita, di fronte al cliente, ogni collaboratore rappresenta infatti l’azienda stessa, la sua filosofia di business, il suo know-how, il suo atteggiamento nei confronti dell’ambiente e, d’altra parte, un cliente soddisfatto è la miglior promozione che un’azienda possa vantare all’esterno.

È per questo che la gestione della relazione fra il Gruppo e i suoi collaboratori è strategica e fondamentale per la creazione di valore aggiunto e condiviso.

Per integrare al meglio i team regionali e internazionali e valorizzare la dimensione del Gruppo capitalizzando il know-how e le competenze presenti nei diversi Paesi, nel 2013 sono stati realizzati i meccanismi operativi per il consolidamento del modello organizzativo europeo disegnato nel corso del 2012. Inoltre, per migliorare l’integrazione tra i collaboratori e abbattere le barriere linguistiche, è stata avviata una campagna di formazione online della lingua inglese che ha coinvolto l’area europea.

“Feel good?” e “Do you Feel good?” 

Per una gestione efficiente ed efficace del Gruppo, Autogrill è sempre interessata ai pareri e ai suggerimenti dei propri stakeholder. Cinque anni fa è nato “Feel good?”, il programma annuale di rilevazione della customer satisfaction che permette di definire un quadro preciso delle esigenze e delle aspettative dei clienti Autogrill e di realizzare conseguentemente nuove soluzioni e offerte.

Nel 2012 è stata lanciata una survey online per la rilevazione dell’employee engagement: “Do you Feel good?” che ha coinvolto quattordici Paesi dell’area Food & Beverage Europa, al fine di identificare le aree di miglioramento e le azioni più opportune da intraprendere per un aumento del coinvolgimento dei collaboratori. Durante il 2013, sono stati messi in correlazione i risultati dell’indagine di customer satisfaction con i risultati dell’indagine di employee engagement, evidenziando un interessante legame tra i due indici.

Ci si è inoltre focalizzati nel corso dell’anno sulla lettura e condivisione dei risultati e sull’empowerment del management che è stato coinvolto in prima persona nella redazione dei piani d’azione sulle tematiche da migliorare. Infatti, partendo dalla lettura e condivisione dei risultati, ogni direzione di sede e ognuno degli 800 punti vendita coinvolti nell’indagine ha redatto un piano di azione con una serie di iniziative concrete volte a migliorare uno o più aspetti considerati all’interno della survey.

A gennaio 2014 è partita la seconda edizione di “Do you Feel good?”

Valorizzazione dell’individuo nella dimensione professionale e privata

Una relazione sana fra azienda e collaboratore scaturisce dall’attenzione verso l’individuo e il suo benessere dentro e fuori l’azienda. Questo significa per Autogrill lavorare su due diversi piani, quello professionale, favorendo lo sviluppo delle proprie persone, e quello individuale, promuovendo iniziative di work-life balance. Per rispondere al meglio al primo aspetto il Gruppo Autogrill si focalizza su processi di selezione basati su attitudini e competenze, percorsi di formazione e sviluppo disegnati ad hoc sui profili e le esigenze dei dipendenti e progetti di job rotation internazionale. Per lavorare al meglio e in modo omogeneo su questi aspetti Autogrill ha accelerato nel 2013 l’adozione dello stesso processo e della stessa piattaforma di valutazione delle performance e delle competenze in tutta Europa.

Per favorire invece la conciliazione, Autogrill mette a disposizione dei propri dipendenti una vasta serie di iniziative e servizi dedicati ad aumentare il tempo per la vita privata e anche il proprio potere d’acquisto (tramite l’accesso a sconti su vari prodotti e servizi, diversi da Paese a Paese, dalle assicurazioni a piattaforme di shopping online).

Salute e Sicurezza

L’impegno di Autogrill nel garantire salute e sicurezza a tutti i collaboratori e consumatori si traduce in prevenzione, tecnologia, formazione e monitoraggio quotidiano. Autogrill effettua preventivamente attività di valutazione dei rischi potenziali sull’ambiente di lavoro per attivare le misure di prevenzione e protezione più idonee, quali per esempio procedure operative e investimenti in dispositivi di protezione individuali necessari all’eliminazione o minimizzazione dei rischi. Per garantire l’efficacia di queste attività, all’interno delle singole società del Gruppo vengono costantemente monitorate le tipologie di infortuni occorsi e le azioni di mitigazione intraprese. Tra i dati comparabili, nell’ultimo triennio si è rilevata una significativa riduzione degli infortuni.

La politica di Autogrill nei confronti dell’ambiente

La questione ambientale (i cambiamenti climatici, l’accessibilità all’acqua, la produzione di rifiuti) è una realtà globale che coinvolge persone, organizzazioni e istituzioni di tutto il mondo.

Autogrill è convinta che a fare la differenza sia il contributo personale che ognuno può dare.

Semplici gesti quotidiani possono contribuire a ridurre i consumi energetici senza pregiudicare la qualità della vita. Il Gruppo Autogrill, pur non essendo un’azienda a forte impatto ambientale, sente propria la responsabilità di ridurre i consumi di energia e l’utilizzo delle risorse naturali a favore di energie pulite, materiali riciclati e con un minore impatto sull’ambiente, tramite un’attenta progettazione dei punti vendita, una corretta gestione delle risorse e dei processi, un controllo continuo e, soprattutto, tramite il coinvolgimento dei propri collaboratori.

Innovazioni ed efficienza ambientale

Salvaguardare l’ambiente e le risorse significa, prima di tutto, consumare meno.
Riuscire a ridurre il consumo di energia e acqua richiede l’attenzione di tutti, a partire da chi progetta la struttura e gli impianti dei punti vendita, fino a chi ogni giorno ne gestisce le attività operative.
Autogrill, anche in base alle differenti realtà in cui opera, sviluppa progetti su più livelli e molto diversi tra loro. Di seguito, in sintesi, alcuni dei principali progetti realizzati nel 2013 dal Gruppo particolarmente importanti dal punto di vista della sostenibilità ambientale.
In Italia, l’attenzione di Autogrill all’ambiente si struttura su diversi fronti. L’eccellenza che ha caratterizzato il 2013 è il punto vendita Villoresi Est, best practice internazionale del Gruppo per l’innovazione sostenibile, in quanto ha realizzato a livello locale un insieme di soluzioni virtuose e principi di progettazione che sono poi stati adottati per altri punti vendita della rete del Gruppo. Un progetto di sostenibilità a 360 gradi interamente realizzato seguendo gli standard di efficienza energetica e d’impronta ecologica del Protocollo LEED (Leadership in Energy and Environmental Design) e i principi di Design for All e Dasa Rägister per la creazione di un ambiente completamente accessibile a tutti. Di particolare rilevanza l’impianto geotermico a “pila termica” con 420 sonde calate nel sottosuolo, la copertura captante di 350 m2. che cattura - stagionalmente - energia solare o freddo, l’illuminazione LED sia per l’esterno che per l’interno dell’area, il sistema di raccolta delle acque piovane e di falda.

In Nord America, la controllata HMSHost sta sempre più orientandosi alla strutturazione di un approccio eco-sostenibile al business, dalla progettazione dei locali sulle autostrade canadesi certificati LEED®, all’implementazione di una serie di seminari telefonici per condividere le best practice ambientali tra i direttori dei punti vendita, per ascoltare quali iniziative di sostenibilità sono state sviluppate, come sono state condotte e quali risultati hanno portato, da chi realmente le ha applicate.

In Spagna da alcuni anni è stato lanciato il “Progetto Edison”, il cui obiettivo è la riduzione del consumo energetico sui locali. Una caratteristica importante di questo progetto è la consapevolezza degli operatori, ritenuta la chiave di una politica di risparmio energetico di successo.

All’interno del progetto vengono offerti corsi di formazione per i direttori dei punti vendita, è stato predisposto un manuale pratico per il corretto utilizzo delle apparecchiature e per fornire informazioni sui consumi energetici, sono state create campagne di comunicazione. Inoltre, è stato delineato un calendario per punto vendita che aiuta a condurre un efficiente uso dell’aria condizionata e del riscaldamento.

Certificazioni ambientali

L’impegno dell’azienda nell’ottenimento di importanti certificazioni ambientali è naturale conseguenza dell’attenzione che Autogrill rivolge all’ambiente.

L’area di servizio italiana Villoresi Est, aperta al pubblico a inizio 2013, ha ottenuto nel corso dell’anno la certificazione secondo il protocollo “LEED® NC for RETAIL” a livello Gold, portando per la prima volta in Italia questo standard nel settore della ristorazione.

Questo traguardo si aggiunge alle quindici aree di servizio certificate LEED® realizzate lungo le autostrade canadesi (di cui undici certificazioni LEED® silver e quattro LEED® Gold), oltre all’area di servizio Delaware sulla Delaware Turnpike negli Stati Uniti certificata LEED® Silver.

In Italia nel corso del 2013 è stata mantenuta la certificazione ISO14001 sul Sistema di Gestione Ambientale per la sede, per il punto vendita Brianza Sud e per i punti vendita all’interno dell’Aeroporto Torino Caselle, oltre alla certificazione EMAS per la sede e il punto vendita Brianza Sud; entrambe le certificazioni sono state riconosciute anche al punto vendita Villoresi Est. In Spagna per il 2013 ha mantenuto valida la certificazione ISO14001 per i punti vendita all’interno della sede di Telefonica a Madrid.

Un’attività di rendicontazione continua attraverso il Rapporto di Sostenibilità

A partire dal 2005, Autogrill mette a disposizione dei suoi stakeholder il Rapporto di Sostenibilità, redatto secondo i principi internazionali del Global Reporting Initiative (GRI-G3) e presentato ogni anno (a partire dal 2008) al Consiglio di Amministrazione.

L’informativa fornita all’interno del paragrafo “Corporate Social Responsibility” è ampliata e approfondita all’interno del Rapporto di Sostenibilità, pubblicato, in formato elettronico, sul sito www.autogrill.com, nella sezione dedicata alla Sostenibilità.